UC & Collaboration

In principio era la videoconferenza, attività storica del business di MCA media.

I più grandi progressi nel campo comunicativo industriale sono proprio dovuti alla nascita di questo mezzo che consente a due o più interlocutori di interagire a distanza, da un punto di vista audio e video, scambiando dati, informazioni e immagini.

E' diventato rapidamente uno strumento indispensabile semplificando l'organizzazione di riunioni e meeting, riducendo tempi e impatto ambientale dovuto agli spostamenti.

La comodità, la rapidità e l’efficienza delle videoconferenze è fondamentale: si possono gestire clienti da remoto, interfacciarsi con progetti internazionali in tempo reale e relazionarsi con realtà distanti migliaia di chilometri dalla nostra posizione.

I vantaggi sono evidenti:

  • Ottimizzazione della produttività aziendale
  • Riduzione del tempo dovuto a spostamenti
  • Riduzione dei costi
  • Maggior efficacia e rapidità nei processi decisionali
  • Migliore interazione tra i vari team
  • Miglioramento del team building e della collaborazione tra diverse funzioni aziendali
  • Velocizzazione del problem solving
  • Riduzione dell’impatto ambientale
  • Utilizzo ottimale delle risorse e delle informazioni

Le tendenze attuali parlano ora di UCC acronimo per Unified Communication&Collaboration. Si tratta della sinergia tra più strumenti di comunicazione (real time e non) per raggiungere diverse esigenze fruibili da un’unica interfaccia con l’obiettivo di potenziare la comunicazione verso l’interna e verso l’esterno.

Questo comporta far entrare in connessione in tempo reale più persone a prescindere dallo strumento utilizzato per comunicare e dalla rete a cui sono in quel momento collegate.  L’intento è migliorare la produttività aziendale ottimizzando i processi di business e la condivisione di informazioni e contenuti, gestendo in modo coordinato i flussi di comunicazione interna e verso l’esterno. Questa evoluzione è dovuta principalmente al rapido progresso di trasformazione digitale in atto dove la videoconferenza converge per la sua stessa natura.

L’ulteriore passo avanti che comporta un’accelerazione dei progetti di UC e della condivisione di contenuti è definito BYOD - Bring Your Own Device – fenomeno che rientra nel discorso di consumerizzazione IT e dell’internet delle cose (IoT).

Grazie al BYOD migliora la user experience, ciascun dipendente ad esempio può utilizzare il proprio dispositivo, con il quale ha già una certa familiarità. Il luogo di lavoro fisico si svuota dunque di significato e acquisiscono sempre maggior valore gli strumenti di collaborazione e di file sharing. La chiave è far dialogare tra loro questi dispositivi grazie a soluzioni software e definire precise politiche di privacy.

Anche la videoconferenza “classica” da PC si eleva ad un livello superiore: attraverso uno smartphone o un tablet il mezzo “sedentario” (il computer) è sdoganato e le conferenze si possono organizzare in pochissimi minuti ed in molteplici luoghi o situazioni.

Essendo la videoconferenza uno dei business storici di MCA media, questi nuovi scenari che vanno imponendosi rappresentano delle sfide importanti e stimolanti per il team e la proposta di nuove soluzioni, grazie ad un attento lavoro di R&S e di interiorizzazione di queste nuove frontiere di comunicazione.

Vuoi maggiori informazioni?